Vacanze al caldo: Mar Rosso

di REDAZIONE WELLTRIBUNE.IT · PUBBLICATO 26 NOVEMBRE 2018

Si può andare nel Desert Ashram del Negev, per chi ama la meditazione, o in un kibbutz per una “vacanza esperienziale” ora così di moda, ma per chi cerca la vacanza classica, con sole, mare, divertimento e magari un po’ di sport, c’è il vicino Mar Rosso.

Natale si avvicina, e per chi non ha ancora scelto dove andarsi a ristorare senza spendere, volare e stancarsi troppo, Israele offre una meta ideale: Eilat. Anche detta la “Capitale” del mar Rosso, la giovane Eilat è diventata una città di natura e sport, a forte vocazione turistica, dove ognuno trova soddisfazione: dal bird watching al desert jeep tour, dal diving al parapendio, dalla mountain bike all’arrampicata.

E durante l’anno, un susseguirsi di congressi, fiere, tornei e competizioni internazionali di primaria importanza. Per la cultura, si comincia a gennaio col festival della Musica da Camera, il Winter Jazz festival e Eilat Street festival. A primavera, il festival del Cibo e, a maggio, la rassegna biennale Cultura e Vino. A luglio e agosto il Summer Jazz festival, a settembre il festival della Birra e a Novembre la Maratona Internazionale nel Deserto, per chiudere – a dicembre – con il Triathlon.

Sole tutto l’anno, con una temperatura media di circa 25°C, 300 ristoranti, un aeroporto internazionale e alberghi di ottimo livello: questa è Eilat dove, inoltre, si può fare shopping senza IVA. Entrare dalla “porta meridionale” in Israele, è un buon modo per conoscere un Paese accogliente e in rapida crescita. Ma non si dimentichi – ad Eilat –  di visitare il delfinario, dove si può fare un incontro ravvicinato con i delfini, un bagno di relax in acqua tiepida, un auditorium tridimensionale, una spiaggia attrezzata ed un lounge garden bar ristoreranno anche il più stressato dei turisti europei.

Copyright © WellTribune

error: Il contenuto è protetto da copyright !