palazzo blumenstihl

Istituto Polacco di Cultura a Roma e Chopin

Nel 210° anniversario della nascita del compositore, in collaborazione con NIFC (Istituto Nazionale Fryderyk Chopin di Varsavia), Piotr Alexewicz esegue i 24 preludi opera 28 e la ballata numero 4 in fa minore opera 52 di Chopin. 

Il 20enne, bravissimo esecutore, si è guadagnato l’ammissione al XVIII Concorso  Pianistico Internazionale F. Chopin che si svolgerà  a Varsavia dal 2 al 23 ottobre 2021. 

Magdalena Widlak Avolio, che si occupa della promozione musicale, ci accoglie con garbo e calore negli splendidi saloni di Palazzo Gustavo Blumenstihl, sede romana dell’Istituto Polacco di Cultura. 

Nel pieno rispetto delle normative di distanza e sicurezza, l’Istituto ha sempre offerto un programma ricco e variegato di opere artistiche, soddisfacendo l’esigenza di cultura “alta” dei cittadini in tempo di Covid.  

E pensare che della musica di Chopin si diceva, nel 1839 che “non facesse effetto” (…): da vivo non era considerato uno dei grandi compositori del Romanticismo, ma piuttosto un outsider.

Ritenuto “pianista da salotto”, più che da concerto, il compositore polacco sorprese tutti con la sua musica dolce e immortale. Era più per una musica da risonanza che da percussione, la sua mano aveva una grande naturalezza d’approccio sulla tastiera. 

Al microfono il direttore dell’Istituto:

error: Il contenuto è protetto da copyright !