Aleph Rome Hotel: esperienze da mille e una notte

 

In pieno centro, a pochi passi dalla tentacolare via Veneto, torniamo alla riscoperta dell’esclusivo Aleph Rome Hotel.

L’edificio, inaugurato negli anni trenta ha una storia importante che si intreccia con il tessuto cittadino degli ultimi cento anni.

Ieri sede di un importante istituto bancario, oggi Hotel a 5 stelle del brand Curio Collection by Hilton.

Avete presente quando entrate in un posto e già pensate a quando potervi ritornare? 

L’accoglienza, la struttura, le esperienze magiche offerte donano proprio questa sensazione.

Ogni angolo di questa esaltazione del lusso regala qualcosa di diverso. 

 

Stando alla clemenza metereologica, consigliata vivamente una tappa sul rooftop alla scoperta della “Sky Blue Terrace“.

La vista è meravigliosa, il traffico di Roma gentilmente occultato da musica accurata e servizio impeccabile, uno splendido salotto all’aperto.

Si parte dal Bar&Bites, aperitivo sfizioso e divertente che dimostra la solidità tra la mixology, attenta ed innovativa e l’eccellenza gourmet, fino ad arrivare alla cena.

L’atmosfera da frizzante e mondana, con l’arrivo delle prime stelle diventa calda, intima e rassicurante.

Gaetano Cacialli, Food and Beverage Manager, accompagna garbatamente nel percorso culinario del nuovo Executive Chef Carmine Buonanno.

La sua cucina è pura esaltazione dei sapori mediterranei con forti influenze laziali. 

Il menù stagionale, adatto a tutti i palati, propone piatti attraenti e variopinti.

Dalla colazione, italiana e continentale, ad un business lunch con proposte leggere e veloci, ad un dopo cena gratificante, all’aperto o al chiuso, la magia si compie sempre.

Di giorno inoltre si può godere della panoramica piscina rigenerante che ci lascia ancora la sensazione che le vacanze non siano del tutto finite.

 

Una coccola a 360 gradi, per il corpo, il palato e la mente. Una vera pillola di benessere!

 

Fino al 15 dicembre troviamo inoltre la mostra CON_DOMINI  di Massimo Antonelli, che vede la presenza di 38 opere particolarmente significative, in un incisivo e mai banale percorso espositivo sulla metafora degli agglomerati urbani e della vita metropolitana. 

 

Un ultima chicca imperdibile di questa eclettica struttura è la spa, accolta nei sotterranei che prima ospitavano il deposito valori della banca. 

Una volta aperta l’imponente porta originale del caveau ecco a voi un vero tesoro: un po’ di tempo dedicato a voi e coloro che amate.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

error: Il contenuto è protetto da copyright !