A teatro come e meglio di prima, con Le follie di Frankenstein

“Le follie di Frankenstein” di Peter Walker e Katherine Jean Leslie, riporta gli appassionati di teatro alle buone abitudini di fine estate. Godere di un buon spettacolo, parlarne fra amici e poi – magari – congratularsi personalmente con gli interpreti in camerino: questo è il teatro, l’arte all’origine della quale c’è il bisogno di intrattenere e definire i rapporti sociali, attraverso la forma della finzione ludica. 

Curandone anche la traduzione e l’adattamento, la regista Emilia Miscio con quest’ opera leggera segna l’inizio di una stagione culturale sotto i migliori auspici. Affrontare la nuova stagione con un sorriso è la cosa migliore per chi lavora in teatro e per chi non vuole rinunciarvi.

La sala del teatro Degli Eroi di Roma in via Savonarola, nella zona Prati – Trionfale, nel peno rispetto delle normative anti Covid, ospiterà fino a domenica 13 questa pièce della Compagnia teatrale Sogni di Scena, tutti innamorati del teatro, che difendono credendo fermamente nella sua rinascita, grazie alle persone che lo preferiscono al cinema perchè più diretto, vivo e senza pubblicità. Direttore di scena Simona Borrazzo, fonico e disegno luci Giorgia Caredda, foto e video Riccardo Dell’Era.        

error: Il contenuto è protetto da copyright !